Menu

Paragone Letteratura 132-133-134

Anno LXVIII – Terza serie – Numero 132-133-134 (810-812-814) Agosto-Dicembre 2017

Laura Barile: L’ultimo pellegrinaggio di D.H. Lawrence: Etruscan Places
Hans Tuzzi: Le note azzurre di Proust
Massimo Gallerani: Giorgio Strehler maestro involontario
Marco Romanelli: Bianciardi e il comico
Giovanni Tesio: Memoria e oblio nella letteratura del Novecento
Cristina Nesi: La tragicommedia di Ottieri
Costanza Fabbri: Federico Zeri tra metodo e confidenze

IPOTESI SULL’ELZEVIRO

Massimo Onofri: Della scrittura mista e d’invenzione
Raffaele Manica: L’elzeviro verso il saggio. Il caso Praz
Giuseppe Mussi: Tommaso Landolfi, la Russia, le riviste e l’elzeviro
Gabriele Fichera: ‘Un invincibile senso della forma’. Pasolini e la questione dell’elzeviro
Salvatore Ferlita: Sciascia e L’affaire Moro. Una strana forma di elzeviro
Raffaello Palumbo Mosca: Un forte pensiero di religione umana. Cere perse di Bufalino
Alessandro Cadoni: Inventario di cose perdute. Prose quotidiane di Salvatore Mannuzzu

GIORNALE

Nicola De Cilia: Un angelo sul camino

APPUNTI

Due signore dell’opera (Alessandro Duranti)

Paragone Letteratura 129-130-131